Diocesi

Finisce la scuola, cominciano i Grest!

Con la fine dell’anno scolastico iniziano i Grest, i gruppi estivi che per moltissimi bambini e ragazzi rappresentano un modo per condividere proposte pastorali e appuntamenti durante il tempo libero; sono preziosi per le famiglie perché tengono occupati i figli in modo intelligente e formativo, i più piccoli come “animati”, ma spesso anche i più grandi come “animatori”.
«In tutta la Diocesi di Vicenza ci sono più di 700 animatori e oltre 2.000 bambini e ragazzi partecipanti – spiega Antonella Lora, presidente di Noi Vicenza e del circolo di Locara (San Bonifacio) – . I Grest si svolgono durante l’estate tra giugno e i primi di agosto, a seconda delle esigenze organizzative di ogni gruppo. Il Grest del nostro gruppo di Locara, ad esempio, si terrà dal 1° al 20 luglio. Il target è quello che va dalla prima elementare alla terza media, col supporto di animatori volontari, alcuni dei quali minorenni altri studenti universitari, e in alcuni casi anche di mamme che collaborano».
La giornata tipo inizia con l’accoglienza al mattino, seguita da un momento di preghiera, poi giochi di vario genere e al pomeriggio una merenda insieme. Le sedi possono essere gli oratori parrocchiali, ma anche alcune scuole che mettono a disposizione spazi aperti in caso di necessità.
«I nostri Grest – aggiunge Lora – hanno un valore aggiunto, quello del volontariato assoluto, che richiama quei valori evangelici del mettersi a disposizione dell’altro in un’ottica di presenza e disponibilità. Animatori ed educatori sviluppano lavori ed iniziative seguendo percorsi ben precisi e avvalendosi di supporti e sussidi che servono proprio a dare continuità e a creare un filo conduttore nelle attività che vengono proposte”».
Anche se ogni Grest ha ampia libertà di variazioni sul tema, per il 2024 Noi Associazione propone il sussidio pensato da Ora Giovane, cooperativa con sede a Padova che si occupa di animazione di bambini e ragazzi e della formazione di animatori e di educatori. Il tema suggerito fa riferimento alla figura di Maria, madre di Gesù, nella sua scelta quotidiana. Così il motto “Just Jungle 2024” è un’avventura nella misteriosa giungla indonesiana, alla ricerca dell’antidoto magico per tornare a scegliere. L’idea progettuale prende spunto da uno dei documenti più importanti del Concilio Vaticano II, la Gaudium et Spes, che invita ad un confronto della comunità cristiana con la cultura e con il mondo: ecco che saranno le scelte quotidiane dell’individuo nella sua unità di corpo e anima, di cuore e coscienza, di intelletto e volontà, ad essere al centro del contesto tematico nel quale ci si muoverà. Così l’icona di Maria accompagnerà bambini e ragazzi nei momenti di preghiera. Lei, quando viene avvicinata dall’angelo Gabriele, è solo una ragazzina: le sue esperienze, le sue paure e i suoi desideri erano molto probabilmente quelli semplici di una giovane adolescente. La prima volta che nel Vangelo si incontra questa ragazza è a casa sua, nel villaggio di Nazareth, alle prese con la scelta più sconcertante della sua vita: accettare o no la richiesta da parte di Dio di renderla madre senza rapporti coniugali.
Anche a Schio il Grest è una proposta estiva importante per centinaia di giovani. All’Oratorio dei Salesiani dal 13 giugno al 16 luglio per i ragazzi dalla terza elementare alla terza media è l’occasione di incontrarsi durante tutta la giornata, con turni al mattino e al pomeriggio, anche per coloro che vivono situazioni di difficoltà, trovando valori che altrimenti non avrebbero modo di accostare. Per i più piccoli è un momento per stare insieme attraverso attività di laboratorio, giochi e sfide tra le diverse squadre. Per gli animatori delle superiori è un tempo in cui dedicare il proprio tempo agli altri, imparando a prendersi cura dei più piccoli attraverso la presenza attenta in ogni momento della giornata, l’organizzazione delle attività, il coinvolgimento di tutti all’interno della propria squadra. La mattina, dopo accoglienza e saluto, i ragazzi si divideranno in diversi laboratori come pittura su stoffa, teatro, canto, ballo, ma anche sportive (calcio, basket, pallavolo, ping-pong). Il pomeriggio sarà dedicato invece ai giochi e alle sfide tra squadre.

Alessandro Scandale

Commenta

Clicca qui per lasciare un commento