Diocesi In primo piano

Il Seminario è il nuovo Centro diocesano “Onisto”

Ospiterà molti Uffici che prima si trovavano in piazza Duomo, i primi operativi dal 14 settembre. Don Marchesini: «Sarà un luogo vivo, dove si crea dibattito». Il coordinatore è il diacono Renato Dalla Massara.
di Marta Randon

Gli ultimi mobili al primo piano sono stati sistemati. Tutto è pronto per l’inaugurazione del 14 settembre (niente feste, solo operatività) di alcuni uffici della diocesi di Vicenza che da piazza Duomo hanno trovato posto nel Seminario Vescovile. Il palazzo ottocentesco di Borgo Santa Lucia diventa così il nuovo Centro diocesano “A. Onisto”, fulcro della Diocesi di Vicenza. Basta scomodità con la ztl del centro storico, problemi per parcheggiare. Benvenuta nuova razionalizzazione degli spazi. Una scelta voluta dal 98% dei presbiteri diocesani.

«Il Seminario al piano terra ospiterà l’istituto di Scienze religiose e la Scuola di musica sacra – spiega l’economo della Diocesi don Giuseppe Miola -. Al primo piano ci sono l’Ufficio per il coordinamento della pastorale, l’Ufficio per l’evangelizzazione e la catechesi, l’Ufficio missionario e Migrantes, già attivi dal 14 settembre, dalle 9 alle 12.30 il lunedì, martedì e giovedì». «Abbiamo fatto i salti mortali per partire a metà settembre – continua l’economo -. I costi sono stati contenuti. L’immobile ristruturato ci è stato donato dal Seminario. Abbiamo riutilizzato tutto il mobilio dei vecchi uffici in centro storico; abbiamo quindi dovuto sostenere solo le spese per il trasloco e le pulizie». Altri Uffici pastorali saranno operativi da metà ottobre, al secondo piano: l’Ufficio per l’insegnamento della Religione cattolica, L’Ufficio per la pastorale dell’educazione e della scuola, l’Ufficio liturgico, l’Ufficio della cultura, il Servizio per la pastorale giovanile, per la pastorale della salute, la Commissione per l’Ecumenismo e il dialogo, la Commissione per la Formazione del Clero, l’Ufficio per la vita consacrata, la Consulta delle aggregazioni laicali, l’Azione cattolica e gli scout Agesci.

I seminaristi continueranno le loro attività nel chiostro del Sacro cuore (lato sud) e al terzo piano, così come le proposte vocazionali. Continueranno a far parte della famiglia del Seminario anche le suore Dorotee. 

Dal 14 settembre ogni lunedì, martedì e giovedì mattina saranno presenti nel Centro di Borgo Santa Lucia anche il Vicario generale mons. Lorenzo Zaupa, l’economo don Giuseppe Miola e alcuni incaricati dell’ufficio amministrativo. Il martedì ci sarà Anna Dal Ponte per le questioni assicurative.

L’ingresso è da viale Rodolfi 14/16, utilizzando il servizio di una portineria provvisoria in un box prefabbricato in cortile. I numeri di telefono e gli indirizzi e-mail del personale degli uffici rimangono invariati. 

Novità anche negli spazi diocesani del centro storico: nel palazzo delle Opere sociali in piazza Duomo, di fronte al Vescovado, tra qualche  mese troveranno posto Noi associazione, il Movimento cristiano lavoratori, il Centro sportivo italiano e il tribunale ecclesiastico. Rimane in via Vescovado solo l’ufficio Pellegrinaggi liberando così uno stabile in affitto, di proprietà dell’Istituto diocesano del Sostentamento del clero. L’obiettivo della creazione del nuovo Centro diocesano è l’armonizzazione di sei realtà. L’incarico è stato affidato al diacono don Renato Dalla Massara, voluto dal vescovo Pizziol, al lavoro da questo lunedì.  «Il seminario è tornato a seminare – commenta don Flavio Marchesini, direttore dell’Ufficio per il coordinamento della pastorale mentre finisce di aprire scatoloni -. È tornato ad essere un punto di riferimento per la diocesi. Al suo interno ci saranno preti che studiano, che insegnano e, importantissimo, laici che si formano. Gli spazi ampi consentono di organizzare incontri con famigie, sposi, giovani, attività delle missioni. Il mio sogno è che il nuovo Centro “Onisto” diventi una casa viva. Un luogo dove ci si incontra, si condivide, si crea dibattito. Si cresce».

«Molti preti da vent’anni si lamentavano per le scomodità del centro storico, soprattutto per il parcheggio – conclude l’economo don Miola -. Lasciavano infatti l’auto in Seminario, e facevano una passeggiata fino in piazza Duomo. La soluzione del Centro “Onisto” mette d’accordo tutti».

L’ex Centro pastorale Onisto, ubicato nell’ex Seminario minore, ora ospita la scuola internazionale H-Farm, in affitto.