Palazzo Ferro Fini
In primo piano Veneto 2020

Il Veneto di Bartelle, Benvegnù, Cappelletti, Guadagnini, Rubinato, Sbrollini, Girotto

Oltre all’intervista a Luca Zaia e Arturo Lorenzoni (vedi altra notizia) in collaborazione con gli altri settimanali diocesani del Veneto abbiamo rivolto tre domande agli altri sette candidati in corsa

Qual è la principale novità/discontinuità che introdurrebbe nel Governo del Veneto rispetto alla gestione di questi ultimi 10 anni?

Autonomia del Veneto: quale obiettivo è realistico perseguire?

Grandi infrastrutture: ce n’è una, in particolare, che da presidente della Regione ritiene essenziale realizzare?

Per le risposte clicca sul link

Patrizia Bartelle – Veneto Ecologia Solidarietà

«Serve una macroregione di Nordest – con una visione di lungo periodo». 

 

Paolo Benvegnù – Solidarietà Ambiente Lavoro

«Prioritario portare la banda larga ovunque per ridare centralità ai territori marginalizzati».

 

Enrico Cappelletti – Movimento 5 Stelle

«Tra le infrastrutture prioritarie il Sistema Ferroviario Metropolitano Regionale».

Antonio Guadagnini – Partito dei Veneti

«Le prestazioni delle cliniche convenzionate devono essere pagate a prezzo di mercato».

 

Simonetta Rubinato – Veneto per le autonomie

«Chiediamo allo Stato la competenza primaria nei servizi socio-educativi da 0 a 6 anni».

 

 

Daniela Sbrollini – Italia Viva

«Serve un modello nuovo per garantire lavoro a tutti, innanzitutto ai giovani».

Paolo Girotto – Movimento 3V

«Tra gli obiettivi del movimento la libertà di cura, senza obbligo vaccinale».