In primo piano Territorio

Monteviale: «Una notte sul sagrato della chiesa per la Sea Watch»

Una notte da trascorrere sul sagrato della chiesa di Santa Maria Assunta a Monteviale per solidarietà con i migranti bloccati sulla Sea Watch. È l’iniziativa lanciata per venerdì 28 giugno alle 22, per condividere alcune riflessioni e dormire insieme in quel luogo simbolico, in solidarietà con i 42 migranti della Sea Watch che sono costretti da giorni sul ponte della nave.

L’iniziativa, promossa da alcuni cittadini, segue l’esempio di don Carmelo, Parroco di San Gerlando a Lampedusa, che con il Forum Lampedusa Solidale da una settimana sta dormendo davanti al sagrato della chiesa di Lampedusa.

È un gesto di solidarietà, organizzato da rappresentanti del “genere umano”. «Abbiamo deciso di usare questa definizione perché si tratta di un’iniziativa trasversale: siamo persone di diverse estrazioni, anche religiose, tutte solidali verso i migranti che si mettono in viaggio – dice don Antonio Uderzo, tra i promotori dell’iniziativa -. Tante volte ci domandiamo cosa possiamo fare davanti agli eventi del nostro quotidiano. Quando abbiamo visto la notizia di Don Carmelo abbiamo pensato di replicare nel nostro territorio la sua iniziativa, per dare un messaggio forte di solidarietà. Speriamo che questa iniziativa si possa prolungare nel tempo e diffondere anche altrove: c’è bisogno dell’impegno di tanti».

In vista dell’appuntamento di venerdì 28 giugno a Monteviale, gli organizzatori consigliano di portare dei teli termici per la notte e una borraccia.