Arsiero

Escursione al Monte Toraro tra storia e panorami mozzafiato

di Alessandro Scandale

Un itinerario semplice e adatto a tutti è quello che porta al monte Toraro nel territorio comunale di Arsiero. Si tratta di una comoda passeggiata di meno di un’ora su strada asfaltata ma non percorribile da mezzi a motore.

L’escursione alla cima del Toraro è consigliata non solo per la sua facile accessibilità, ma anche per i magnifici panorami che si possono godere da quel punto strategico di osservazione. Durante la Prima guerra mondiale la zona è stata utilizzata come postazione di difesa antiaerea di supporto al vicino forte Campomolon. Durante il periodo della Guerra Fredda, in quest’area fu collocata una base della Nato per il lancio di missili; per raggiungere la cima del monte fu realizzata una strada asfaltata ancora oggi percorribile.

L’escursione a piedi inizia dal valico di Valbona. Per raggiungerlo si seguono le indicazioni per Passo Coe, superato il quale si prosegue passando nei pressi del Rifugio Valbona, fino al passo di Valbona dove si lasciano i mezzi. Da qui ci si avvia verso il Forte Campomolon, imboccando una stradina bianca che porta ai ruderi del forte; seguendola si entra in una galleria e si arriva sulla cima della montagna. Da qui il panorama è mozzafiato: lo sguardo arriva fino al Trentino sulla Vigolana e poi la Cima Dodici, Tonezza, gli Altipiani e la Valdastico. Tornando verso il parcheggio s’imbocca la strada asfaltata che conduce alla cima del Monte Toraro; in quest’area è probabile imbattersi in camosci, caprioli, aquile e falchi. Per chi fosse interessato all’accesso stradale, dall’uscita dell’A31 Valdastico di Piovene Rocchette si segue per Arsiero, quindi per la strada provinciale 64 e, raggiunta Tonezza, si prosegue per la provinciale fino ad un bivio preceduto da una chiesetta sulla destra. Si svolta a sinistra per la provinciale 92 – indicazioni Folgaria per Malga Zonta, Rifugio Rumor, Rifugio Valbona – e si sale fino al valico di Valbona a 1782 metri, da dove inizia il percorso pedonale.

Commenta

Clicca qui per lasciare un commento