Diocesi In primo piano

Dieci anni fa l’ordinazione episcopale di mons. Beniamino

Nominato Vescovo da Benedetto XVI, il 24 febbraio 2008 Pizziol ha ricevuto la consacrazione dal cardinale Scola

Monsignor Beniamino Pizziol ha tagliato il traguardo dei 10 anni di ordinazione episcopale. Il Vescovo di Vicenza, nato il 15 giugno del 1947 a Cavallino-Treporti (Venezia), il 24 febbraio del 2008 riceveva dalle mani del cardinale Angelo Scola, allora Patriarca di Venezia, la consacrazione a Vescovo ausiliare di Venezia. La nomina a Vescovo, era avvenuta pochi giorni prima, il 5 gennaio 2008, da parte di Papa Benedetto XVI.

«Per me la nomina a Vescovo fu un qualcosa di assolutamente inatteso e sorprendente – ricorda Pizziol -. Anche per questo ricordo che sia nei giorni precedenti l’ordinazione che durante la celebrazione ho vissuto un atteggiamento totale al Signore di tutta la mia persona, e questo mi ha dato una grande serenità».

Da sinistra, monsignor Pizziol, il cardinale Angelo Scola e il cardinale Marco Cè

Da Venezia a Vicenza

Assieme al cardinale Scola, dieci anni fa erano presenti come co-consacranti nella basilica di San Marco il cardinale Marco Cè, patriarca emerito, e l’allora vescovo di Trieste, mons. Eugenio Ravignani.

«In quel giorno – prosegue Pizziol – ho sentito come la mia ordinazione a Vescovo non fosse solo un dono personale ma di tutta la Chiesa veneziana. Era infatti dal 1975 che Venezia non aveva un Vescovo, e per questo qui momenti fu vissuto con grande gioia da tutta la comunità ecclesiale».

Tre anni dopo, a Pizziol venne affidato un nuovo incarico: il 16 aprile 2011 mons. Pizziol, a quel tempo vicario generale e moderator curiae del patriarcato, fu nominato vescovo di Vicenza.

Il giorno dell’ingresso di mons. Pizziol a Vicenza

Essere Vescovo oggi

«Oggi essere Vescovo significa affrontare un servizio sempre più oneroso e impegnativo per il “passaggio epocale” in cui si trovano sia la comunità ecclesiale e civile, sia il mondo intero – prosegue Pizziol -. Per questo è fondamentale avere una buona dimensione di preghiera personale, di affidamento al Signore, di preghiera allo Spirito per discernere a livello comunitario quello che è buono e giusto».

Gli auguri del patriarca Moraglia

Per tale occasione il patriarca Moraglia ha trasmesso al vescovo Pizziol un messaggio di felicitazioni ed auguri, pubblicato anche sul sito diocesano www.patriarcatovenezia.it e sul settimanale Gente Veneta: “Desidero farti pervenire in questa bella circostanza – si legge tra l’altro nel messaggio – l’augurio fraterno e sincero, unito alla mia preghiera, per il tuo servizio alla Chiesa che è in Vicenza. Avremo poi la gioia di festeggiare e celebrare insieme i nostri due anniversari episcopali il prossimo 7 giugno, nella basilica della Salute, durante l’annuale incontro dei Giubilei sacerdotali”. “Ti ricordiamo con affetto e gratitudine per quanto hai fatto a servizio dell’amata Chiesa che è in Venezia. La Madonna di Monte Berico, a te così cara – conclude Moraglia -, ti sostenga e benedica sempre nel tuo ministero episcopale”.